Le meraviglie di Rio de Janeiro

Per me Rio de Janeiro, è, con tutte le sue contraddizioni e imperfezioni, la più bella città al mondo e forse sono proprio quelle a renderla così affascinante. Rio è una città caotica, chiassosa, disorganizzata e a volte poco sicura. Allora Rio sarebbe una città da evitare? Beh, noi ci siamo stati la scorsa settimana e a prescindere della sua fama negativa, non abbiamo avuto nessun problema. Anzi sono tutti gentilissimi e si fanno in quattro per aiutarti. Abbiamo girato con i loro bus, troppo ghiacciati è vero, a volte la guida dei mezzi è da cardiopalmo, ma gli autisti sono cortesi e ti danno le dritte per scendere dove desideri andare. Siamo andati a mangiare nelle trattorie, dove abbiamo trovato dell’ottimo cibo. Siamo stati dappertutto, dalle spiagge ai monti, ovunque! Meravigliosa Rio!
Perché Rio va oltre i suoi problemi, ed è talmente generosa che accoglie, stupisce, meraviglia, incanta, strega!
Rio è una città a cui non manca niente. Mare, foresta, grattacieli, spiagge chilometriche, quartieri pittoreschi, favelas, musei e giardini botanici. A Rio c’è tutto, ed è normale desiderare visitarla.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Eccovi una breve descrizione della città:
“Rio ha una conformazione strana, ma molto suggestiva. Una foresta immensa, la Foresta de Tijuca, circonda e protegge un agglomerato urbano che ospita oltre 6 milioni di abitanti, dislocati disordinatamente su tutto il territorio. Una miriade di colline, le cui più famose sono il Pao de Açucar e il Morro de Urca, puntellano le retrovie della città, regalando una vista spettacolare sulla grande Baia di Guanabara, dove si trovano le spiagge urbane di Flamenco, Botafogo e tutti i quartieri storici del Centro. Le spiagge più conosciute, quelle che hanno regalato a Rio una fama eterna, si trovano invece sul versante atlantico: Copacabana, Ipanema, Leblon, Arpoador, Barra de Tijuca, è tra queste sabbie che si affolla parte della movida carioca”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Dall’altra parte della Baia, in posizione speculare al Pao de Açucar si trova invece Niteroi, che ospita molte opere del grande architetto brasiliano Oscar Niemeyer.
Capitolo a parte sono le Favelas, ovvero bidonville che circondano i quartieri storici di Rio e che si sono andate sviluppando abusivamente in seguito all’urbanizzazione sfrenata dei decenni precedenti. Alcune di loro sono state “pacificate” ed oggi rappresentano una soluzione più economica agli affitti molto elevati dei quartieri centrali”.

Annunci