A proposito, Bruxelles


Bruxelles si mangia bene e si spende – volendo – poco. Nella zona turistica non c’era che l’imbarazzo della scelta. Con 10 euro si poteva mangiare un’ottima bistecca, guarnita con insalata e patate fritte, compreso 1 bicchiere di vino o birra. Oppure le cozze fumanti con patate fritte e 1 bicchiere di vino o acqua, servizio ottimo e senza spese di coperto. Ricordi di un viaggio di luglio del 2013.

L’abbinata (moules-frites) m’ha lasciato sconcertata. Non avevo mai pensato che preparassero le cozze accompagnate con delle patate fritte! Però, curiosa come sono, ho deciso di sperimentare. In effetti, le due pietanze servite insieme non mi hanno fatta impazzire, però mi è molto piaciuta la preparazione delle cozze che ho trovato diversa da quella a cui in genere siamo abituati noi italiani.

Le cozze (moules) sono cotte in un brodo di olio, cipolla e sedano e servite nella enorme casseruola nera coperta da un’altra piccola casseruola che, una volta scoperto il pentolone, serviva da contenitore per i gusci. A Bruxelles le cozze sono servite in tre modi diversi: marinate, al vino bianco o alla crema d’aglio. Una vera delizia del palato che vi invito a provare.

A titolo di curiosità vi lascio le foto del Dinner in the Sky, temporary restaurant sospeso a 30 metri d’altezza dove i 22 ospiti si possono dilettare a fare uno spuntino o un pasto vero e proprio… con lo spettacolo della città al loro piedi!

A proposito del Windsor di Bruxelles  qui parlo dell’albergo low cost che, a prescindere di alcune lacune, aveva dei grossi vantaggi.

La Grand-Place di Bruxelles

Annunci