Viaggio, viaggi. Lubecca.

Nel luglio del 2013, l’occasione del viaggio è nata da un’offerta della Ryanair, quindi abbiamo pensato di andare a Brema partendo da Treviso e poi fare una visita di due giorni a Lubecca, di cui io avevo tanto sentito parlare.
Lubecca (in tedesco Lübeck) si trova sul Mar Baltico ed è una delle città della Germania cosiddette “anseatiche” in quanto appartenente, in passato, alla Lega Anseatica. Il centro storico della città, in parte ricostruito dopo i danni subiti in seguito ai bombardamenti del 1942 nel corso della Seconda guerra mondiale, è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO e presenta numerosi esempi di gotico baltico.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La città è splendida ed è piacevole camminare per le vie del centro storico, col naso insù ad ammirare la Porta Holstentor che ci da il benvenuto appena arrivati, il Rathaus (Municipio) e il Schiffergesellchaft  (letteralmente compagnia di navigazione) oggi ristorante tradizionale. Simpatico è stato scoprire che al sabato, in una via piena di negozi, viene ricreata l’atmosfera dei paesi del nord, con cibi tradizionali, fiumi di birra, abbigliamento, oggetti e manufatti tradizionali. Siamo sul Baltico, per cui le giornate di luce  vengo festeggiate come si meritano, il lungo inverno è dietro l’angolo!
 Lubbecca

Anche questa volta per spostarci abbiamo usato i piedi. La centralissima Marktplatz era a 5 minuti dal bell’appartamento che avevamo prenotato e la stazione dei treni a 15 minuti.
Per il ritorno avevamo  deciso di prendere il volo Ryanair che dall’aeroporto di Lubecca porta a Bergamo, quindi il lunedì siamo ritornati alla stazione centrale dei treni (hauptbanhof) e arrivati lì abbiamo atteso il bus numero 6 nella fermata che si trova davanti alla stazione.
Annunci