Crociera: tutto quello che dovete sapere

Crociera sulla Costa Pacifica 

Imbarco a Savona
La nave è splendida, enorme, ci vuole un pò per capire bene le dislocazioni e per almeno 2 giorni è un gran andare su e giù con gli ascensori e avanti indietro nei corridoi.
L’imbarco è stato un po laborioso, c’era moltissima gente, ma dopo essere salita al piano sono arrivata davanti alla porta della cabina, completamente aperta e pronta per essere occupata. Dopo aver tastato con mano tutto i confort; televisore ultrapiatto, frigobar, aria condizionata regolabile dall’interno, si, ma difficile capire il funzionamento. A mio parere, la vera pecca della nave, è l’aria condizionata negli ambienti. Troppo fredda mal regolata con il flusso dell’aria mal studiato, dopo un paio di giorni avevo il raffreddore. Prima nota dolente: ho dovuto recuperare la mia valigia che s’era persa nei meandri della nave.
Crociera pacifica

La cabina: sempre pulita e profumata, gli asciugamani candidi e morbidi. Il letto, comodissimo, per non parlare dell’accoglienza di tutto il personale della nave, gli animatori, i camerieri molto preparati e molto simpatici.

Crociera pacifica stanza

Colazione e buffet erano favolosi, anche se a volte dovevi sgomitare per raggiungere le pietanze, ma questo è un vezzo tutto italiano. Mentre a cena menù “alla carta” con piatti fin troppo ricercati e, a volte, con condimenti troppo piccanti per i miei gusti.
A bordo è sempre disponibile gratuitamente e a volontà acqua potabile con/senza ghiaccio, tè, caffè americano e gelato. Per il servizio al bar esistono vari pacchetti “tutto compreso” secondo le proprie esigenze. Le consumazioni singole hanno prezzi alti.
24 ore di intrattenimenti e… cibo a volontà.

Essendo la nave della musica, in ogni angolo vi erano intrattenimenti musicali, ballerini ecc. Le piscine sempre pulite e non maleodoranti di cloro come le comuni piscine.
Alcune osservazioni: qualche bel film, di quelli recenti intendo, non starebbero male.
Il fotografo è troppo caro: 19.99 euro per ogni foto, mi sembrano proprio eccessive.
Altra nota dolente sono le escursioni: costose e con troppo poco tempo a disposizione.

Crociera 212.JPG

A Gerusalemme (video) c’era tanta gente e troppa fretta, io toglierei dall’itinerario di Gerusalemme la visita al diamantificio, lì abbiamo perso 1 ora, che potevamo dedicare ai luoghi sacri.
Da Masada al Mar Morto, souvenir

Annunci