Prometheus, ottima fantascienza

Adoro i film di fantascienza quindi non vedevo l’ora di andare vedere Prometheus. Sapevo che lo avrei potuto vedere taroccato, in internet girano tante copie, ma io i film li vado a vedere solo nelle sale cinematografiche!

Il nuovo colossal di fantascienza di Ridley Scott  Prometheus  è finalmente nelle sale italiane. Il motivo dei ben tre mesi di ritardo da parte della 20th Century Fox a far uscire il film in Italia è dovuto principalmente al deserto, o all’affollamento  che caratterizzano il cinema nel nostro paese. Il deserto è quello del cinema estivo, periodo in cui le scarse uscite cinematografiche allontanano gli spettatori dalle sale e quindi viene giudicato dai distributori come troppo rischioso per un film di fantascienza, mentre l’affollamento è la sua conseguenza, cioè il fatto che tenendo per due mesi le sale prive di titoli importanti, questi sono portati a scontrarsi gli uni contro gli altri nel resto dell’anno. E davvero è un peccato perché, essendo scritto da Damon Lindelof, Prometheus è un film dai molti misteri e che prova a rispondere alle domande lasciate aperte da Alien (ma ancora di più ne pone lui stesso). Insomma il classico film su cui sarebbe meglio non sapere nulla prima andare in sala e il classico film che se ha senso non è tanto per la sceneggiatura, sbrigativa e fatta a misura di sequel, quanto per l’immersione in una dimensione visiva ai massimi livelli che conduce lungo cunicoli di paura e repulsione, aspirazione e terrore, seguendo quella via indicata da Alien. Fonte Wired.

Annunci