La notte dei creativi

Sapete cos’è il PechaKucha Night? Sinceramente non lo sapevo neanche io. Sabato sera ho partecipato ad un event in una very special location. Dove? Non lo immaginereste! Nel mercato ortofrutticolo sulle Rive triestine! Si, l’originale location ha fatto da “contenitore creativo” in cui è stato versato il Pecha Kuche che in Giappone va per la maggiore, la parola significa chiacchiera. Durante la serata vengono presentati i lavori di una dozzina di creativi, tra architetti, artisti designer, grafici, video artisti,stilisti, fotografi, a ciascuno dei quali sono concessi 6 minuti e quaranta secondi, per mostrare al pubblico presente in sala, un opera, un progetto, una idea attraverso 20 immagini di venti secondi ciascuna. Per voi ho preparato questo video in cui ho inserito un piccolo filmato, delle foto della location e alcune delle opere,in particolare le affascinanti creazioni di una designer portoghese. Susana Soares ci ha fatto scoprire che le api possono essere addestrate a riconoscere un odore specifico, in una vasta gamma che va dai feromoni alle tossine, con questo metodo possono essere identificate varie malattie.

Ma il sabato dei creativi non finisce qui, in una galleria d’arte di Via Diaz è stata inaugurata la mostra dell’artista di origini slovene, Primoz Bizjak. Originalissimi scatti dove l’artista coglie le scene della trasformazione dei luoghi, il modificarsi delle città, non sempre per mano dell’uomo, molte volte dovuta alla decadenza della materia in un susseguirsi di minuti , ore che frazionano il passare degli anni. Mi ha aperto gli occhi su di una forma di bellezza che si può cogliere nello sfracellarsi del concreto rappresentato dal mattone o dalla pietra, fino la sua dissoluzione.

Annunci